L’edizione 2021 de Le Strade del mondo rifletterà sull’avvio di una possibile raccolta di voci fuori luogo, intesa come elemento costitutivo del futuro Luogo per la memoria “Davanti a Villa Emma”. L’obiettivo è la creazione di un Archivio che utilizzi metodi di raccolta innovativi e si misuri con i vari soggetti che abitano la scena dell’accoglienza.

Tenteremo di attivare un doppio sguardo, che da un lato voglia ridefinire il ruolo di quanti si apprestano concretamente a raccogliere storie, dall’altro si soffermi sulla condizione e sulla soggettività di quanti immaginiamo, spesso, come oggetti della nostra ricerca, senza soffermarci a valutare adeguatamente le intenzioni che ci guidano o le ragioni del nostro coinvolgimento.

Primo seminario online

Verso una raccolta
di voci fuori luogo

Polifonie

Venerdì 30 aprile 2021 | ore 15-19

Programma

INTRODUZIONE AI LAVORATORI

Le strade del mondo e Nonantola
Fausto Ciuffi, Fondazione Villa Emma

La necessità di una raccolta di “Voci fuori luogo”
Samory Badona Monterio, ricercatore

GLI ARCHIVI DEL PRESENTE. PERCHE’ UN ARCHIVIO DI VOCI FUORI LUOGO?
L’INTERSCAMBIO TRA SOGGETTO E OGGETTO DI RICERCA: CHI CERCA, COSA CERCA?

Il gruppo di progettazione “Le strade del mondo 2021” dialoga con

Alessandro Triulzi, Archivio memorie migranti – Roma
Paule Robero Yao, finalista “Progetto Dimmi” 2019

CHI SIAMO? PERCORSI DI CONSAPEVOLEZZA E SOGGETTIVITA’ MOBILI

Samory Badona Monteiro dialoga con

Maria Bacchi, Fondazione Villa Emma
Silvia Salvato, avvocato del Foro di Mantova
Yahya Mane, mediatore culturale
Ismaila Mbengue, operatore CAS
Youssouf Sassako, operatore CAS

L’INVENZIONE DELL’ ALTRO

Maria Bacchi dialoga con

Monica Massari, Università Statale Milano                                                                                                                                                                                                                  Elvira Mujcic, scrittrice e traduttrice